al-porto-di-civitavecchia-la-prima-imbarcazione-zero-emissioni-per-attivita-di-rec-oil

Al porto di Civitavecchia la prima imbarcazione zero emissioni per attività di rec-oil

Pubblicato il

Pubblicato il

Al porto di Civitavecchia la prima imbarcazione zero emissioni per attività di rec-oil

Protocollo di intesa tra Tecnomate e Ri.E. L’unità operativa entro il 2023


CIVITAVECCHIA – Un protocollo di intesa finalizzato alla costruzione della prima imbarcazione a emissioni zero, dalla lunghezza di 20 metri, unica in Italia di ultima generazione totalmente elettrica certificata per svolgere attività di rec-oil.

È quello sottoscritto dal presidente della cooperativa Tecnomate Emiliano Vitali e da quello di Riconversione Elettrica srl (Ri.E.) Francesco Piccione, al termine di una serie di incontri tecnici per definire i dettagli dell’accordo per la fornitura dell’imbarcazione, dotata di innovativi sistemi di monitoraggio e controllo per la salvaguardia della qualità dell’aria e del mare. L’imbarcazione sarà operativa entro il 2023.

Tecnomate – cooperativa leader nel settore antinquinamento marino, che opera con professionalità da oltre 40 anni per la salvaguardia del porto di Civitavecchia e delle coste antistanti la città – ospiterà un’unità locale Ri.E., startup che, progetta mezzi elettrici tecnologicamente evoluti, equipaggiati con componentistica e soluzioni prodotti da aziende internazionali leader nel settore. La collaborazione tra le aziende sarà estesa alla ricerca, al service ed alla formazione sul retrofit elettrico sia di meccanici esperti che di giovani da avviare alle professioni di tecnici meccatronici e autronici di mezzi operanti in qualsiasi settore. L’obiettivo delle diverse iniziative è quello di procedere ad una significativa riduzione delle emissioni di CO2, ed alla tutela dell’ambiente, con benefici sia in termini occupazionali che di trasferimento tecnologico e transizione ecologica.

L’Autorità di Sistema Portuale, a cui è stato illustrato il progetto, ha rivolto un plauso all’iniziativa ed ha manifestato la propria disponibilità ad individuare la banchina per il futuro attracco dell’imbarcazione, che dovrà essere dotata della infrastruttura di ricarica energetica. La Capitaneria di Porto di Civitavecchia, che ha rilasciato il titolo concessorio per lo svolgimento del servizio di disinquinamento portuale, ha rivolto a Tecnomate il suo plauso per le iniziative avviate, certa che le stesse contribuiranno alla sempre maggiore attenzione e tutela dell’ambiente marino, cui il Corpo delle Capitanerie di Porto-Guardia di Costiera è deputato per espressa previsione legislativa.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Related Posts