arrivano-le-stelle-cadenti-della-cometa-di-halley:-quando-e-come-osservarle

Arrivano le stelle cadenti della cometa di Halley: quando e come osservarle

Appuntamento con le stelle cadenti della cometa di Halley: questa notte, nella costellazione dell’Acquario. Ecco quando e come osservarle.

stelle cadenti cometa halley
Stelle cadenti della cometa di Halley (Immagine di repertorio di Foto di Felix Mittermeier da Pexels)

Tutti con il naso all’insù questa notte, fonda, ad ammirare le stelle cadenti eta Acquaridi, generate dai frammenti della cometa di Halley.

Le eta Acquaridi sono le stelle cadenti di maggio, saranno visibili fino al 10, ma è questa notte, nelle ore precedenti all’alba, che raggiungeranno il loro picco. Uno spettacolo imperdibile, per i nottambuli e incrociando le dita per le condizioni meteo.

Leggi anche –> Cielo del mese di maggio 2021: tornano la Superluna e le stelle cadenti

Stelle cadenti della cometa di Halley: quando e come osservarle

Dopo mesi in cui siamo stati a digiuno di stelle cadenti, se non per osservatori più esperti, finalmente tornano nel nostro cielo notturno le stelle cadenti. Lo sciame meteorico da non perdere è quello con le eta Acquaridi, le stelle cadenti di maggio, attive dal 3 al 10 maggio, ma che raggiungeranno il picco questa notte, tra il 5 e il 6.

Potremo ammirarle nella seconda parte della notte, nelle ore che precedono l’alba, osservandole nella costellazione dell’Acquario da cui prendono il nome, guardando verso Est. La loro particolarità, che le rende ancora più affascinanti, è queste meteore sono antichi residui della cometa di Halley.

In realtà, le eta Acquaridi sono una delle correnti meteoriche più cospicue dell’anno, con elevata frequenza e brillantezza delle meteore, pari a quella delle Perseidi ma nell’emisfero australe. È qui, infatti, che queste stelle cadenti offriranno il loro spettacolo più bello, manifestandosi quasi allo Zenit. Come spiega l’UAI – Unione Astrofili Italiani.

Comunque, anche noi in Italia potremo osservare parte di questo spettacolo, soprattutto nelle regioni meridionali, dove l’osservabilità dello sciame meteorico sarà migliore, fino al crepuscolo mattutino. Saremo inoltre favoriti dall’assenza della luminosità della Luna, che ha già superato l’ultimo quarto ed è calante.

Poco prima dell’alba, potremo ammirare il pianeta Giove nella costellazione dell’Acquario, che ci servirà da punto di riferimento per la direzione in cui guardare. Anche la Luna apparirà a Est, ma in fase calante e senza disturbo.

Stelle cadenti (Foto di Free-Photos da Pixabay)

Related Posts