cimitero,-il-tar-dichiara-inammissibile-il-ricorso-di-ipogeo-contro-il-comune

Cimitero, il Tar dichiara inammissibile il ricorso di Ipogeo contro il Comune

Il Tar di Latina ha dichiarato inammissibile il ricorso presentato dalla società Ipogeo, società concessionaria in project financing aggiudicato con gara pubblica della progettazione e costruzione delle opere di ampliamento e delle opere accessorie, nonché della gestione e manutenzione programmata ordinaria e straordinaria del cimitero urbano di Latina, contro il Comune di Latina per la sospensione del Regolamento Cimiteriale in uso e della sua retroattività.

Un processo nel quale si sono costituite alcune associazioni di consumatori: Asso Cons Italia, Codacons Latina, Codici Latina, e Federconsumatori.

Secondo i giudici amministrativi l’atto impugnato “non ha natura provvedimentale trattandosi di una mera comunicazione indirizzata alle associazioni dei consumatori e alla stessa Ipogeo  in cui si manifesta l’intenzione di individuare una soluzione in ordine alla contestata iniziativa del concessionario di applicare alle concessioni ante 2009 condizioni più restrittive rispetto a quelle all’epoca vigenti e in ogni caso, la parte dell’atto che la ricorrente assume essere lesiva dei propri interessi costituisce una mera reiterazione di quanto in precedenza comunicato, in termini più compiuti e articolati, con la precedente nota del 23.12.2019, non impugnata dalla ricorrente”. Inoltre, sottolineano i giudici, il Comune con nota del dicembre 2019 aveva diffidato Ipogeo a interrompere immediatamente l’invio agli utenti delle richieste di versamento del canone di concessione d’uso per le sepolture i cui termini di validità risulterebbero scaduti ai sensi del Regolamento di gestione cimiteriale allegato alla proposta di project financing, così come a sospendere i procedimenti di questo tipo già avviati e, in ogni caso, a non assumere alcuna iniziativa senza averla precedentemente concordata”.

Related Posts