contrordine-pfizer:-richiami-dopo-35-giorni

Contrordine Pfizer: richiami dopo 35 giorni

Mancano le dosi? Allunghiamo i tempi delle seconde dosi

Ennesimo cambiamento nella campagna vaccinale del Lazio: a partire dal 17 maggio i richiami Pfaizer dovranno avvenire dopo 5 settimane e non, come stabilito nello stesso bugiardino, dopo 21 giorni.

Richiamo posticipato, dunque, e persone avvisate tramite sms. La scelta è stata giustificata dall’esaurimento delle disponibilità del vaccino e si prevede possa consentire il recupero di oltre 100mila slot del siero della Biontech.

Di Pfizer arriveranno 220 mila dosi il 13 maggio, altrettante il 20, e ancora il 27 maggio ma sembra ormai chiaro che, da sole, non saranno sufficienti  a garantire i ritmi della campagna vaccinale: per evitare un rallentamento bisogna cominciare a utilizzare come prime dosi le fiale di vaccino che altrimenti sarebbero state destinate ai richiami di maggio, che sono 250 mila.

Sulla pagina Facebook Salute Lazio si è scatenata una vera e propria bufera sul cambiamento di rotta che,  alla fine dei conti, finisce per spiazzare ben 700 mila persone.

“Buffoni, sembrano dilettanti allo sbaraglio sulla nostra pelle”, “Dove sono questi studi scientifici che approvano la somministrazione a 5 settimane?”, “Avete fatto i vaccini agli amici degli amici, che schifo”, “Questa è un vera violazione del consenso informato”, “Io mi presenterò lo stesso, chiamo i carabinieri”. 

Le preoccupazioni maggiori sono quelle dei malati oncologici ai quali è stato sempre raccomandato il richiamo entro tre settimane.

Related Posts