coronavirus,-oggi-i-nuovi-colori:-ecco-le-regioni-a-rischio-zona-rossa.-puo-rimanere-gialla-solo-la-sicilia

Coronavirus, oggi i nuovi colori: ecco le Regioni a rischio zona rossa. Può rimanere gialla solo la Sicilia

Da lunedì 15 marzo quasi tutto il Paese dovrà fare i conti con una stretta delle misure restrittive. L’Italia si trova a fronteggiare ancora una volta un peggioramento della situazione epidemiologica e le sue conseguenze: complice la diffusione repentina della variante B117 (la cosiddetta “inglese) del Coronavirus, a partire dal 15 marzo diverse regioni passeranno dall’arancione al rosso. Non più solo Campania, Molise, Basilicata, dunque, – in rosso dall’8 marzo fino almeno al 21 – ma buona parte del territorio nazionale.

Nello scenario peggiore, l’unico territorio a rimanere giallo potrebbe essere la Sicilia, con la Sardegna in bilico tra il bianco e il giallo. L’ufficialità dei vari passaggi di zona è atteso oggi, 12 marzo, con le ordinanze del ministro della Salute Roberto Speranza. Tuttavia, guardando ai dati relativi all’indice di trasmissibilità – il cosiddetto indice Rt – è possibile tracciare un quadro della situazione. Secondo le regole attuali, passano in zona arancione le Regioni con un Rt superiore a 1, in zona rossa quelle che superano la soglia dell’1,25.

Chi lascia il giallo

Affidandosi anche al criterio dei 250 casi settimanali ogni 100 mila abitanti, a rischiare il rosso potrebbe essere la Calabria, a oggi in giallo: negli ultimi giorni ha comunicato un’incidenza di oltre 300 casi ogni 100 mila, situazione che la potrebbe far passare direttamente al rosso. Chi è in bilico tra arancione e rosso è anche il Lazio, finora giallo, che presenta un Rt a 1,33. Con un indice Rt intorno all’1, potrebbero passare dal giallo all’arancione anche la Valle d’Aosta, la Liguria e la Puglia (dove sono già scattate le ordinanze restrittive per le province di Bari e Taranto).

Il Nord si tinge di rosso

Il Nord del Paese si tinge nuovamente di rosso: da lunedì vedranno quasi certamente lo scatto nella fascia più alta di rischio la Lombardia, il Piemonte, dove l’indice Rt è salito all’1,41, il Friuli Venezia Giulia (qui l’indice di trasmissibilità si aggira attorno a 1,3), l’Emilia Romagna, le province di Trento e Bolzano e le Marche.

Le Regioni arancioni in bilico

Mentre Umbria e Abruzzo resteranno quasi certamente in arancione, il Veneto (sul «sul filo del rasoio» con Rt all’1,25) non ha ancora scampato il rischio zona rossa. La Toscana ha superato in questi giorni la soglia critica di pazienti ricoverati in terapia intensiva (fissata al 30%) di 4,8 punti percentuali, ma dovrebbe essere confermato l’arancione. «Noi siamo in arancione, ma oggi deciderò sulla base dei dati che mi stanno preparando se mettere in zona rossa alcune province come Prato, Pistoia, forse Arezzo, e altri comuni in cui si è vista l’evidenza del focolaio», ha dichiarato Eugenio Giani in mattinata.

Immagine di copertina: ANSA/GIUSEPPE LAMI

Da sapere:

Leggi anche:

L’articolo Coronavirus, oggi i nuovi colori: ecco le Regioni a rischio zona rossa. Può rimanere gialla solo la Sicilia proviene da Open.

Related Posts