covid,-lo-studio-della-variante-inglese.-piu-morti:-ma-c’e-una-speranza

Covid, lo studio della variante inglese. Più morti: ma c’è una speranza

covid,-lo-studio-della-variante-inglese.-piu-morti:-ma-c’e-una-speranza

Uno studio rivela la pericolosità della variante inglese. Nei risultati delle analisi aumenta la letalità, ma c’è sempre una speranza

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Settenews (@settenews.it)

Il Covid-19 continua a mietere vittime tra decessi e ricoverati in terapia intensiva e sub intensiva. La terza ondata è nella sua più alta forma di manifestazione e i cittadini sono chiamati all’ennesimo sacrificio di una inevitabile quarantena. Probabilmente anche le forze governative dell’esecutivo Draghi hanno fatto tesoro delle preoccupazioni con l’insorgere della cosiddetta variante inglese, che sembra preoccupare maggiormente una situazione già in fase di allarme.

In Italia, la campagna di vaccinazione rallenta inesorabilmente e i pazienti in ospedale aumentano a dismisura. Medici e infermieri non riescono a reggere la situazione negli ospedali, urge un aiuto da parte delle forze di rappresentanza del Paese, affinchè si abbia un pò di tregua in corsia.

A rendere il quadro clinico nei nosocomi d’Italia è l’effetto della variante ingelse, sottoposta ad approfondimenti scientifici

LEGGI ANCHE —–> Covid, il focolaio alla Scala è un errore: i dettagli

La variante inglese, tutti gli aggiornamenti sulla pericolosità e… la luce in fondo al tunnel

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Covid Free Italia (@covidfreeitalia)

Tra le più che probabili cause che hanno portato ad un aumento considerevole di pazienti in fase di ricovero negli ospedali c’è la cosiddetta variante inglese. Secondo un approfondimento scientifico degli ultimi giorni, il ceppo suddetto rappresenta un veicolo di trasmissione più letale di quello originario.

Ciò vuol significare più morti e un aumento di ricoveri fino a 40.000 pazienti giornalieri. Lo studio è stato condotto da un’equipe di scienziati dell’università britannica di Exter, in concorso con Bristol, Warwick e Lancaster. Gli esperti hanno verificato che su un campione di circa 55mila persone affette da variante, in oltre 35.000 è presente la versione più letale del nemico.

Lo sviluppo della variante però potrebbe ancora presentare un “conto” ancora più salato per chi riscontra la contrazione. Se il rischio di morte si assestava sullo 0,25%, ora il tasso di mortalità è elevato fino allo 0,40% in più rispetto al ceppo originale.

LEGGI ANCHE —–> Vaccino Covid, arriva la svolta: chi lo fa potrà togliere la mascherina

A fronte di questi dati, infine, gli esperti colgono il lato positivo della questione, scoprendo nell’attuale vaccino, l’alleato infallibile contro qualsiasi forma di Covid-19 in giro per il mondo

 

 

L’articolo Covid, lo studio della variante inglese. Più morti: ma c’è una speranza proviene da Ultimaparola.com.

L’articolo Covid, lo studio della variante inglese. Più morti: ma c’è una speranza proviene da City Roma News.

Related Posts