eurovision:-palaolimpico-in-estasi-per-blanco-e-mahmood,-ma-i-kalush-orchestra-restano-favoriti

Eurovision: PalaOlimpico in estasi per Blanco e Mahmood, ma i Kalush Orchestra restano favoriti

Eurovision, si sta svolgendo la diretta della finale. In un PalaOlimpico stracolmo, si esibiscono i 25 finalisti. Di questi ci sono i 20 che si sono qualificati nelle prime due semifinali di martedì e giovedì, a cui si aggiungono le 5 nazioni “big”, tra cui l’Italia, paese ospitante grazie alla strepitosa vittoria dello scorso anno con i Maneskin. E proprio il gruppo romano questa sera sarà ospite d’onore e si esibirà il singolo “Supermodel”.

Blanco e Mahmood spettacolari

Stasera il pubblico ha accolto con una standing ovation il duo Blanco-Mahmood, i vincitori di Sanremo. Alle note di “Brividi” l’intero palazzetto ha iniziato a cantare. Nessuna coreografia particolarmente complicata o tecnologica. E’ bastata la loro presenza e una moltitudine di luci bianche per coinvolgere il pubblico e riempire la scena. 

Mahmood-Blanco

I due italiani, però, hanno un compito difficilissimo. I loro concorrenti sono agguerriti. E i favoriti erano e restano gli ucraini della Kalush Orchestra. La band, al termine della loro esibizione del brano Stefania in lingua originale, ha lanciato un appello a favore della loro nazione, contro la guerra e per la pace. La canzone, inoltre, è carina, piena di ritmo, con un bel mix tre rap e pop. E loro sono bravi e colorati. Senza contare l’impatto emotivo della situazione attuale. 

La finale su Twitter

Gli altri artisti

Ma ecco quali sono gli altri artisti in gara. I primi ad esibirsi sono stati gli artisti cechi We Are Domi con “Lights off”. A seguire il cantante romeno Wrs, che ha proposto “Llamame”. Poi è toccato alla portoghese Maro, con la canzone “Saudade saudade”. La scaletta è proseguita con The Rasmus, che si sono esibiti con “Jezebel”. E’ poi toccato a Marius Bear, il cantante che lo scorso anno fu sconfitto dai nostri Maneskin. Quest’anno si è presentato con “Boys do Cry”

E’ stata poi la volta della prima delle 5 big in gara, la Francia. I Blues si sono esibiti con la canzone in lingua bretone “Fulenn”

Continua a leggere Eurovision: PalaOlimpico in estasi per Blanco e Mahmood, ma i Kalush Orchestra restano favoriti su Il Corriere della Città.

Related Posts