il-sindaco-coppola:-“la-nostra-madonna-simbolo-di-speranza-e-rinascita”

Il Sindaco Coppola: “La Nostra Madonna simbolo di speranza e rinascita”

È giunta presso la Collegiata San Giovanni la Madonna delle Grazie di Nettuno. Anche quest’anno a causa dell’emergenza sanitaria non si terranno le tradizionali processioni di andata e ritorno, ma l’effige della Madonna attenderà i fedeli per l’intera settimana presso la Chiesa di San Giovanni dove in fedeli potranno rendergli omaggio nel rispetto delle norme sanitarie vigenti. Ad accompagnare dal Santuario a San Giovanni questa sera la statua della Madonna delle Grazie il Sindaco Alessandro Coppola.

“E’ un onore per me oggi rendere omaggio alla nostra Patrona, la Madonna delle Grazie, e sono ancora più onorato di poterlo fare in qualità di Sindaco della mia amata città – ha detto il Sindaco Coppola – non nego che mi addolora non poter, anche quest’anno, accompagnare in Processione la Madonna. La Festa di maggio è da sempre per noi nettunesi, sin da quando siamo bambini, un momento di unione, condivisione, partecipazione e di profonda devozione. Tutti sentimenti che dobbiamo sentire ancora più forti dentro di noi, in un periodo storico che mai ci saremo immaginati di affrontare. La Madonna delle Grazie per noi nettunesi è da sempre un simbolo di speranza e oggi più che mai dobbiamo affidarci a lei e alla sua guida, pregando di uscire quanto prima da questa pandemia e dalla conseguente crisi economica e sociale che ha messo in difficoltà tantissimi nostri concittadini a cui rivolgo oggi il mio più caro pensiero, unitamente a tutte quelle persone che hanno perso una persona cara durante questa emergenza sanitaria causata dal Coronavirus. Nella sera in cui si sarebbe dovuta svolgere la processione di andata, invito tutti i cittadini di Nettuno, come lo scorso anno, ad esporre fuori dai propri balconi una candela in onore della nostra Madonna delle Grazie. Un segnale di speranza per un futuro migliore in cui le sofferenze e le difficoltà di questi 14 mesi saranno solo un brutto ricordo”.

Related Posts