il-trucco-per-non-far-staccare-la-panatura-dal-pollo-fritto-in-cottura

Il trucco per NON FAR STACCARE LA PANATURA dal pollo fritto in cottura

il-trucco-per-non-far-staccare-la-panatura-dal-pollo-fritto-in-cottura

Pollo fritto
(Canva photo)

Il pollo fritto, impanato ma anche in forno, è una pietanza davvero succulenta da servire non solo la domenica, durante tutta la settimana è un gustoso sfizio da portare a tavola in poco tempo purché sappiate panarlo nel modo giusto.

Oggi infatti scopriremo come evitare che la panatura si stacchi dal pollo fritto durante la cottura, avremmo bisogno di un semplice trucco che potremmo mettere in pratica con facilità.

LEGGI ANCHE –> La pasta frolla si sgretola e non si stende bene? Ecco come rimediare al disastro

Pollo fritto
(Canva photo)

PANATURA CHE NON SI STACCA, ecco il trucco!

Tipico piatto della cucina americana, qui in Italia, il pollo fritto richiama ad una preparazione molto più semplice e genuina, la tradizionale ricetta della nonna, una versione prelibata, saporita, che potrete preparare tranquillamente con o senza pelle in base ai gusti. 

Gli ingredienti da impiegare per preparare il pollo fritto per 4 persone sono almeno 8 fusi di pollo, della farina 00, del semplice pangrattato, 2 uova, un pizzico di sale e dell’olio di semi di arachide per friggere.

Pollo fritto panato
(Canva photo)

Ma veniamo al trucco, se volete non far staccare la panatura dal pollo fritto, durante la cottura, dovete rotolare perfettamente i fusi di pollo nella farina prima di andarli ad impanare. Decidete per tempo se togliere la pelle oppure no e passate immediatamente il pollo all’interno della farina oppure, potete usufruire di sacchetti trasparenti per alimenti, posizionare all’interno il pollo e riempire il sacchetto di farina, chiudere bene e agitare. Un altro geniale trucco è quello di lasciar riposare per almeno 5 minuti in freezer i fusi di pollo dopo averli panati. 

Per quanto riguarda la panatura basta sbattere delle uova all’interno di una ciotola e passare quindi all’interno rotolandoli i fusi di pollo dapprima ben infarinati mediante i trucchi suddetti. Dopodiché lasceremo che il pollo lasci scivolare l’uovo in eccesso, possiamo dunque posizionarlo nella ciotola con il pangrattato facendolo aderire per bene. Questa operazione, per una panatura perfetta, che non si stacca, super croccante, va ripetuta una seconda volta, quindi passate i fusi di pollo dopo l’infarinatura accurata prima nell’uovo e poi nel pangrattato.

Il pollo fritto nella nostra versione prelibata cuoce almeno un quarto d’ora in olio di semi bollente fino a che non diventa dorato, potrete poi asciugarlo su carta assorbente da cucina e servire ben caldo, ovviamente il pollo fritto e può essere cucinato anche in forno, basterà infatti, dopo la panatura, cospargere dell’olio extravergine d’oliva sui fusi di pollo e lasciarli cuocere a 220° per almeno 50 minuti.

LEGGI ANCHE –> Il caffè della moka è veramente buono? | Il trucco per riconoscerlo senza sbagliare

Il metodo della freezer resta il più efficace, quindi, ricordatevi di mettere il pollo nel freezer per 5 minuti dopo la sua panatura, per poi cuocerlo in olio bollente.

Related Posts