in-quarantena-quattro-classi-dell’istituto-paolo-iii

In quarantena quattro classi dell’istituto Paolo III

http://corrierediviterbo.corr.it/

Veronica Ruggiero

  • a
  • a
  • a

Quattro classi in quarantena su sei alla primaria e una all’infanzia nel plesso dell’istituto Paolo III. E’ scattata per gli alunni delle prime quattro classi della primaria la quarantena fiduciaria dopo che nell’edifico scolastico si è sviluppato un focolaio di Covid-19.  Dieci i bambini in età prescolare risultati positivi al tampone molecolare nell’unica classe dell’infanzia del plesso, tutti asintomatici pare, su un totale di 25 componenti la classe. Decisamente più limitati i casi di positività riscontrati tra le classi prima, seconda, terza e quarta della primaria, che al momento si trovano in quarantena fiduciaria. 

Gli ambienti scolastici sono stati naturalmente sottoposti a sanificazione straordinaria alla fine della scorsa settimana, dopo che sono stati comunicati i primi casi di positività. Nell’istituto, al momento, si trovano quindi in presenza solo la classe quinta della primaria e le tre classi delle medie. Anche per parte del personale scolastico è scattato il periodo di isolamento. 

“In paese attualmente abbiamo 35 casi di positività – ha dichiarato il sindaco Roseo Melaragni –, siamo in attesa degli aggiornamenti da parte della Asl, con cui siamo costantemente in contatto. Colgo l’occasione, vista la situazione legata soprattutto al cluster scolastico, per fare appello alla responsabilità della cittadinanza. Chiedo a tutti coloro che si trovano in quarantena fiduciaria e ai positivi, di rispettare rigorosamente l’isolamento come da comunicazione e protocolli Asl, in attesa di fare eventualmente il tampone molecolare di controllo”. 

“Inoltre – conclude il sindaco -, ricordo a tutti non solo la necessità di utilizzare i dispositivi di protezione anche all’aperto, ma la necessità di mantenere il distanziamento anche da parte dei bambini in questo particolare momento. Capisco che il bel tempo possa essere un’occasione per uscire, ma cerchiamo di non creare pericolosi assembramenti al parco o in altri luoghi”.

Related Posts