paura-per-tiberio-timperi-a-uno-mattina,-abbandona-lo-studio,-poi-la-corsa-in-ospedale.-cos’e-successo

Paura per Tiberio Timperi a Uno Mattina, Abbandona lo studio, Poi la corsa in ospedale.. Cos’è successo

Tiberio Timperi ha abbandonato improvvisamente la conduzione di Uno Mattina in Famiglia durante la puntata del 1 maggio. Monica Setta è dovuta rimanere sola in studio, ma ha dimostrato di saper gestire la trasmissione ugualmente. Il motivo che ha spinto il presentatore a fare una mossa così azzardata è la pandemia di Covid-19. Fortunatamente i vaccini proseguono e spesso capita che le persone in attesa di appuntamento lo ricevano poi durante gli orari di lavoro. E l’incontro con il vaccino non si può assolutamente rimandare.

Tiberio Timperi ha preso la sua mascherina e salutato i telespettatori, affermando che quello di vaccinarsi è anche un dovere nei confronti della società, non solo verso se stesso. Ha quindi salutato il suo pubblico avvisandolo che avrebbe commentato la sua esperienza tramite i canali social. Ed è quello che ha fatto, ritraendosi successivamente in fila, in attesa della somministrazione del vaccino. Il conduttore si è poi detto molto contento di come la regione Lazio ha gestito la cosa e della giornata, passata con persone sconosciute ad attendere l’unica fonte di speranza che abbiamo per superare questo tragico periodo storico.

LEGGI ANCHE—> Rai in Lutto: L’annuncio choc di Tiberio Timperi in diretta: “Un amico, è morto all’improvviso per Coronavirus”

“È arrivato il momento anche per me, a causa di patologie che aprono ai nati nel 64. Questo per disinnescare chi di professione rimesta nel fango – ha voluto specificare Tiberio Timperi, senza così lasciare adito a dubbi – Hub di Fiumicino. Indicazioni stradali precise. Area parcheggio a disposizione. Tempo di attesa ragionevole. Personale fermo ma gentile. In fila si scherza. Ci si guarda negli occhi. C’è chi scatta il selfie che suggella il momento. Chi confessa timore. Chi esorcizza. Ma si respira aria di solidarietà e moderato ottimismo”. Poi continua con dettagli sulla giornata.

“Il percorso prevede moduli da riempire. E l’angoscia della penna toccata chissà da chi, si smorza davanti al disinfettante a portata di mano. Braccialetto verde per un marchio, Pfizer, che deve molto all’azzurro… Poi, tutto si consuma in un istante. Non siamo in Svezia o Svizzera. Siamo in Italia”. Tiberio Timperi ha quindi effettuato la prima dose di Pfizer, che prevede l’iniezione di una seconda dose di vaccino dopo all’incirca 20 giorni. Il presentatore può tornare alla conduzione di Uno Mattina in Famiglia con un problema in meno, non senza ringraziare il personale addetto.

Leggi anche: Lutto choc per Romina Power, Il messaggio straziante sui social: “Sei nel mio cuore da più di 50 anni. Sono distrutta”

“Grazie al Generale Figliuolo per la macchina messa in moto in poco tempo con risultati che riempiono di orgoglio nel sentirsi italiano. Grazie a lei Generale e a chi l’ha scelta. Grazie alla regione Lazio, al personale sanitario, civile e alla Croce Rossa Italiana che mette passione in quello che fa. Buon primo maggio a tutti ma soprattutto a loro. E penso, senza rimpianti, a primule e banchi a rotelle”. Parole piene di speranza quelle di Tiberio Timperi. E in effetti il vaccino è l’unica speranza per tornare alla vita normale, a goderci il nostro paese e dimenticare i banchi a rotelle e i canti sul balcone. Per continuare ad avere news seguiteci anche sui nostri profili  Su Facebook anche su INSTAGRAM 

Related Posts