permessi-bloccati-al-pincio

Permessi bloccati al Pincio

Pubblicato il

Pubblicato il

Permessi bloccati al Pincio

L’opera a carico dell’Adsp in base al recente accordo sottoscritto


Se non sono gli usi civici è ancora una volta la burocrazia a bloccare un’opera pubblica in città.

Carte e conti che non tornano, aree che non corrispondono, dettagli tecnici che rallentano lavori che invece potrebbero partire ed essere realizzati in poco tempo, essendoci anche già i finanziamenti disponibili.

È quanto sta accadendo con il progetto di realizzazione di una rotatoria tra largo Plebiscito e viale Garibaldi.

L’opera rientra nel più ampio progetto di riqualificazione di Varco Fortezza e di apertura del porto storico, con il Forte Michelangelo che tornerà alla città; si tratta di uno dei quattro punti cardine del recente nuovo accordo tra Comune ed Autorità di sistema portuale.

Il varco verrà di fatto arretrato fino all’altezza della sede della Capitaneria di porto e nei pressi di largo Plebiscito dovrebbe sorgere una rotatoria per meglio gestire il flusso delle auto: rotatoria che sarebbe completamente a carico, dal punto di vista economico, di Molo Vespucci.

Ma proprio la documentazione relativa ai lavori per questa opera sembra essersi arenata negli uffici comunali dell’Urbanistica, anche dopo il vialibera dato da una conferenza dei servizi. A bloccare l’opera sarebbero un paio di metri in più del marciapiede del viale, quello dove si trova il punto informazioni turistiche. Sarebbero da eliminare, per consentire la necessaria ampiezza della rotonda, ma a detta del dirigente servirebbe una variante al Piano regolatore generale per poter concedere il permesso alla realizzazione della rotatoria. Stando a quanto riferito dal Comune, quell’area, fino alla statua di Garibaldi, sarebbe destinata a verde pubblico. Peccato che esistano già marciapiedi, chioschi e lo stesso piazzale degli Eroi, completamente asfaltato. Possibile quindi che il problema sia rappresentato dalla realizzazione di una rotatoria, che peraltro è solo un adeguamento della viabilità a servizio pubblico rispetto a due mtri non di verde ma di marciapiede che sarebbero comunque recuperati nel progetto stesso ?

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Related Posts