rinnovamento,-misericordia,-fraternita:-i-primi-otto-anni-di-pontificato-di-bergoglio

Rinnovamento, misericordia, fraternità: i primi otto anni di pontificato di Bergoglio

La sera del 13 marzo 2013 l’elezione di Papa Francesco: un pontificato fatto di gesti e incontri “rivoluzionari”

Città del Vaticano – Vento freddo, pioggia battente, preghiere recitate a bassa voce da alcuni fedeli che cercano riparo tra le colonne del Bernini. Così si presentava piazza San Pietro nel tardo pomeriggio del 13 marzo 2013. Gli occhi del mondo erano tutti puntati sul camino che svettava sulla Sistina dal quale, poco dopo le 19, un denso fumo bianco annunciava l’elezione del nuovo Pontefice: Jorge Mario Bergoglio. Al mondo si presenta con un semplice “buonasera”. Sconosciuto ai più, è un Papa che arriva dalla periferia del mondo, dall’Argentina, come lui stesso ha detto durante la sua prima Urbi et Orbi. Da quel momento si cambia direzione. Bergoglio vuole “una Chiesa in uscita”, che raggiunga tutte le periferie, anche quelle esistenziali.

E non è un caso che la sua prima uscita dai confini del Vaticano fu Lampedusa, estremo confine del Sud Italia. Migliaia di migranti sono morti nelle acque le la bagnano, alla ricerca di un posto migliore dove vivere, dove far crescere i propri figli lontani da guerre e disperazione. Il tutto nell’indifferenza e nel silenzio delle istituzioni. Francesco celebra messa su una barca rovesciata e lancia un appello affinché “ciò che è accaduto non si ripeta”. Un monito rimasto, ad oggi, purtroppo inascoltato.

Ma per il Pontefice la Chiesa deve anche essere “ospedale da campo”, deve poter raggiungere tutte le anime per portare loro la carezza della misericordia divina. E così annuncia un Giubileo straordinario, “sparso”. Ogni Cattedrale del mondo può avere la sua Porta Santa. Francesco apre la prima il 29 novembre 2015 a Bangui, nella Repubblica Centrafricana. Poi è la volta di Roma, in una San Pietro blindata a causa dell’Isis che minaccia l’Occidente. Nei mesi del Giubileo Bergoglio scende in piazza per confessare i ragazzi, si reca in visita agli ospedali, nelle carceri, nelle case famiglia dove trovano rifugio le donne salvate dalla tratta.

L’attenzione agli ultimi e alle periferie è presente anche nelle visite pastorali alle parrocchie della sua Diocesi: il Pontefice argentino le preferisce anche al Laterano per celebrare la festa del Corpus Domini (leggi qui). Una “rivoluzione” che continua anche nella gestione degli affari di Curia. Dà il via alla Riforma (ancora in fase di elaborazione) della Curia Romana; modifica le leggi dello Stato della Città del Vaticano in tema di giustizia (leggi qui), ambiente (leggi qui), e pedofilia. Nel 2019 convoca un Summit (leggi qui) durante il quale i vescovi ascoltano le testimonianze di chi ha subito abusi da parte di religiosi. E alle parole seguono i fatti (leggi qui).

Ma la vera rivoluzione di Papa Francesco sta nel dialogo con le altre confessioni cristiane e religioni. L’incontro con il Patriarca Kirill a Cuba, i diversi abbracci con il grande imam di Al-Azhar (leggi qui), fino alla visita con Al-Sistani (leggi qui)… Momenti storici dove Bergoglio ha sottolineato sempre due aspetti. Primo: le differenze non sono mai un ostacolo, bensì una risorsa (leggi qui). Secondo: non è mai lecito uccidere in nome di Dio. La religione non può essere strumentalizzata, anzi, essa è solo “al servizio della pace” (leggi qui), disse in Campidoglio, lanciando una “scomunica” ai terroristi. E non è stata la sola.

Francesco passerà alla storia – anche – per essere stato il primo Papa a pronunciare una scomunica nei confronti dei mafiosi. Parole dette con fermezza in un’altra periferia esistenziale, la Calabria, e poi ribadite durante il viaggio a Palermo in occasione dei 25 anni dell’omicidio di don Pino Puglisi (leggi qui). “Servono uomini d’amore”, disse al Foro Italico in quell’occasione. Un concetto ribadito, seppur con parole diverse, anche il 27 marzo 2020, quando da solo, in una piazza San Pietro deserta, pregava sotto la pioggia per far finire la pandemia: “Siamo tutti sulla stessa barca” “ma nello stesso tempo tutti chiamati a remare insieme”. Un preludio all’enciclica “Fratelli tutti” (leggi qui).

(Il Faro online) Foto © Vatican Media – Clicca qui per leggere tutte le notizie di Papa & Vaticano


Clicca qui per iscriverti al canale Telegram, solo notizie sul Papa e Vaticano 

Related Posts