rissa-con-coltelli-dopo-festa-abusiva,-paura-in-via-cairoli:-4-denunce

Rissa con coltelli dopo festa abusiva, paura in via Cairoli: 4 denunce

Rissa con coltelli durante il coprifuoco in via Cairoli a Viterbo. E’ accaduto alle 1.40 di sabato 1 maggio quando le volanti della polizia e le gazzelle dei carabinieri sono dovuti intervenire nella zona del Sacrario per una zuffa in atto tra sudamericani. Le forze dell’ordine sono state allertate dei residenti allarmati per le urla che da diversi minuti e nel cuore della notte provenivano dalla strada.

Poliziotti e carabinieri sono intervenuti prima che la rissa potesse diventare una tragedia. Come è stato appurato durante le perquisizioni tre degli uomini protagonisti della rissa era armati, avevano coltelli e taglierini in tasca. I quattro (due colombiani e due dominicani) sono stati caricati sulle volanti e portati in questura. Lì, dopo gli accertamenti di rito sono stati denunciati a piede libero per il reato di rissa. Inoltre i poliziotti e i militari che sono intervenuti hanno sequestrato due coltelli e un taglierino. In quattro sono stati anche multati per aver violato il coprifuoco come impongono le norme anti Covid. Multa anche per altri 5 soggetti che insieme a loro avevano partecipato a una festa abusiva in un appartamento nella zona di San Faustino abitato da sudamericani.

Secondo la ricostruzione degli investigatori all’interno dell’appartamento c’erano 9 persone. Tutte identificate e multate. Durante il party deve essere girato dell’alcool. Infatti i quattro protagonisti della rissa in via Cairoli, secondo quanto hanno riferito poliziotti e carabinieri, erano visibilmente ubriachi. Nessuno di loro ha riportato lesioni o ferite e non c’è stato bisogno di far intervenire i sanitari del 118. Il pronto intervento delle pattuglie che stavano controllando il territorio anche per verificare il rispetto delle norme anti Covid ha fatto in modo che i protagonisti non potessero tirare fuori le lame. E’ la seconda volta nell’arco di poche settimane che la polizia interviene per delle feste abusive organizzate da sudamericani durante il coprifuoco.

Related Posts