zona-rossa-a-bella-farnia,-arriva-l’ordinanza-della-regione-lazio:-tutte-le-regole-per-i-prossimi-15-giorni

Zona rossa a Bella Farnia, arriva l’ordinanza della Regione Lazio: tutte le regole per i prossimi 15 giorni

La frazione di Bella Farnia, alla periferia di Sabaudia, sarà interessata dalla zona rossa per i prossimi 15 giorni in ragione del contagio elevato registrato all’interno della comunità indiana. Il provvedimento anticipato dalla prefettura e dalla Asl di Latina da qualche ora è ufficiale con la firma dell’ordinanza del presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti. 

Le regole della zona rossa

Le misure restrittive naturalmente riguardano l’intera popolazione residente e le regole sono quelle già note e contenute nel Dpcm del 2 marzo 2021. Nel dettaglio, sono vietati spostamenti in entrata e in uscita e all’interno degli stessi territori, salvo che per comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità o per motivi di salute. E’ consentito il rientro nella propria abitazione o domicilio. Sono sospese tutte le attività sportive svolte anche nei centri all’aperto e tutti gli eventi e le competizioni di promozione sportiva. E’ però possibile svolgere in modo individuale l’attività motoria in prossimità della propria abitazione.

Sono sospesi mostre e chisi al pubblico musei e altri luoghi della cultura, sospesi spettacoli aperti al pubblico in sale, locali e spazi all’aperto. In zona rossa restano chiuse anche le attività commerciali al dettaglio, con l’eccezione della vendita di generi alimentari e di prima necessità. Non si effettua attività di ristorazione e bar, che resta però consentita per la consegna a domicilio e l’asporto.

Le scuole verso la chiusura

Per quanto riguarda nello specifico l’attività didattica, l’ordinanza regionale demanda ad Asl e alle autorità competenti l’adozione di ulteriori misure restrittive “da motivare in ragione della valutazione di eccezionale e straordinaria necessità dovuta alla presenza di focolai o al rischio elevato di diffusione del virus o di sue varianti nella popolazione scolastica”. Proprio la situazione creata nel comune di Sabaudia ha portato a un’ulteriore valutazione delle autorità locali: quella di chiudere gli istituti e di sospendere l’attività didattica in presenza almeno per tutta la prossima settimana, dal 3 al 7 maggio. 

Il sindaco di Sabaudia Giada Gervasi ha intanto fatto slittare l’avvio della stagione balneare dal 1 all’8 maggio.

    

Related Posts