l

LATINA – Ha chiuso durante la pandemia e riaprirà sabato prossimo,  28 gennaio 2023, l’Ambulatorio di Cure Primarie “AMBU-FEST”, presso il Distretto 2 di Latina, in via C. Battisti, 48,  servizio di assistenza primaria, attivo il sabato, la domenica, i prefestivi e i festivi. Un servizio con il quale si confida anche di alleggerire il pronto soccorso del Goretti dai codici bianchi del fine settimana.

NON E’ UN PRESIDIO DI EMERGENZA – “Il presidio – dicono dalla Asl –  rappresenta una porta di accesso ai servizi sanitari della Provincia di Latina, preposto a dare risposte a quei “piccoli” problemi di salute che, insorgendo in giornate in cui è più difficile trovare il proprio medico di famiglia, obbliga la persona malata a procrastinare il problema o a rivolgersi al Pronto Soccorso. Non è un presidio di Emergenza”.

DAI 6 ANNI IN SU – Possono accedere al servizio tutti i cittadini, di età superiore ai sei anni, che nei giorni festivi necessitano di un consulto medico per il trattamento e la gestione di patologie che non richiedono un trattamento d’urgenza (in tal caso occorre rivolgersi al Pronto Soccorso).

LE PRESTAZIONI – Le prestazioni erogate riguardano patologie prese in carico dal Medico di medicina generale (es. malattie osteomuscolari, oculistiche, dermatologiche, da raffreddamento, urologiche ecc), oltre alle visite è possibile ottenere, prescrizione di farmaci e di prestazioni, rilascio certificati, e altre urgenze differibili.

IL PERSONALE – Il servizio  viene garantito da Medici di medicina generale, selezionati con specifico avviso, e da personale infermieristico aziendale, ed opera in collaborazione con i servizi di Continuità Assistenziale, di Medicina Generale, e con il Pronto Soccorso dell’Ospedale S.M. Goretti.

GLI ORARI – L’Ambu-Fest sarà attivo il sabato e giorni prefestivi ore 14.00 – 20.00; e la domenica e giorni festivi ore 08.00 – 20.00.

“La scelta organizzativa di mettere a disposizione della cittadinanza un importante servizio per le cure territoriali nei giorni prefestivi/festivi – concludono dall’Azienda sanitaria locale –  è finalizzata, sia a dare continuità alle cure primarie, assicurando, una risposta costante, e appropriata ai bisogni di salute dei cittadini, sia a ridurre l’accesso improprio, da parte dell’utenza, al Pronto Soccorso, ciò in coerenza con la programmazione regionale”.

Related Posts